2021

Un'edizione speciale della Living Chapel

per All4Climate - Italy 2021

A sei anni dall’Accordo di Parigi, l’Italia è stata protagonista come paese partner della COP26, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, ed ha ospitato la Pre-COP, dove circa 400 giovani, provenienti dai 197 paesi si sono incontrati a Milano per partecipare a gruppi di lavoro con i loro coetanei di tutto il mondo e sviluppare proposte concrete da presentare ai governi durante la Pre-COP e alla COP26.

All’interno del contesto della Pre-COP il Ministero della Transizione Ecologica, in collaborazione con Connect4Climate del Gruppo Banca Mondiale, insieme a Regione Lombardia e Comune di Milano hanno lanciato All4Climate una serie di eventi che si sono tenuti nella settimana finale di settembre 2021, durante la quale è stata inaugurata una nuova Living Chapel, simbolo del dialogo interreligioso per l’impegno nella lotta al cambiamento climatico.

ALL4CLIMATE - LOGO RGB_MAIN FLAT DARK.pn
COP26_logo_landscape_blue_RGB-large.png

Il nostro impegno per la città di Milano

La riqualificazione del giardino Calderini servirà a valorizzare un nuovo spazio verde urbano ed inoltre, 7.000 alberi saranno donati al Comune di Milano durante gli eventi Pre-COP 26 come lascito ecologico e simbolo del nostro impegno nella lotta ai cambiamenti climatici.

Il progetto

Design by 

A3Ptransp.png

COP26

Ispirata allo stile cosmatesco delle opere pavimentali delle basiliche romane, la Living Chapel si incastona nel giardino Calderini in continuità con i resti del portico di ingresso della Casa dei Cori. Infatti, un tempo qui si trovava una dimora del Quattrocento, probabilmente opera del Bramante e di proprietà della famiglia Corio.

CasaCorioPortale1943.jpg
Satok06 (1).jpg

Superata la soglia, il progetto prende forma sulla simmetria radiale dei cerchi, lo fa disegnando un percorso che nella Living Chapel prende un “senso” preciso in cui riecheggia il passaggio paradigmatico che sottende l’urgenza di una “conversione ecologica”. Tale spazio, simbolo discorrente dell’incontro fra le diverse visioni religiose presenti nel globo, accoglie nella sua essenza la logica pacifica del dialogo interreligioso, che in una spinta naturale, atta alla “cura della nostra casa comune”, induce alla riflessione spirituale e all’intimo bisogno di connessione armonica tra Uomo e Natura.

fotocopertina 2 JPEG.jpeg

Superata la soglia, il progetto prende forma sulla simmetria radiale dei cerchi, lo fa disegnando un percorso che nella Living Chapel prende un “senso” preciso in cui riecheggia il passaggio paradigmatico che sottende l’urgenza di una “conversione ecologica”. Tale spazio, simbolo discorrente dell’incontro fra le diverse visioni religiose presenti nel globo, accoglie nella sua essenza la logica pacifica del dialogo interreligioso, che in una spinta naturale, atta alla “cura della nostra casa comune”, induce alla riflessione spirituale e all’intimo bisogno di connessione armonica tra Uomo e Natura.

Addentrandosi nel progetto si accede a uno spazio raccolto e definito da alberature a portamento colonnare, come in un hortus conclusus, qui è possibile sedersi su una grande panchina di legno a forma circolare che, posta all’ombra di un acero, rinfranca l’anima e ritempra il corpo. Gli alberi, a definire il perimetro del progetto, quelli a portamento colonnare che si insinuano nello spazio seguendo il disegno della pavimentazione, sono 12 Prunus serrulata ‘Amanogawa’, ciliegi da fiore giapponesi dalla fioritura spettacolare in primavera, e 7 Ginkgo biloba ‘Blagon’, una selezione a portamento fastigiato, che in autunno offrono uno spettacolo naturale dato dalle foglie che si tingono di un giallo intenso prima di cadere. Al centro della seduta, un Acer griseum, l’acero grigio, garantisce il riparo dal sole in estate attraverso il portamento espanso della sua chioma che, a fine stagione, si tinge di arancio creando un contrappunto di colori con tutti gli alberi del giardino. In inverno è tutto spoglio per lasciare entrare la luce del sole. Vi è poi un’unica specie sempreverde presente: le bulbose degli Agapanthus africanus che in estate offrono fioriture di grande pregio e bellezza.

15378018-kx0C-U32001221061822hhF-656x492
IMG_6050.jpg
foto 1.jpeg

La forza del colore, proprio come nelle decorazioni pavimentali dei Cosmati, è una caratteristica di questa Living Chapel che ritroviamo, oltre che nella vegetazione, proprio nelle alternanze dei granulati lapidei, con il loro: porfido arancione, giallo Siena e porfido marrone, a formare i percorsi o a diventare pacciame negli spazi sotto gli alberi, contribuendo in tal modo a enfatizzare i contrasti cromatici con la vegetazione nelle alternanze delle diverse stagioni. La spinta ecologico/integrale che sottende il progetto, ha fatto sì che la sua progettazione fosse tale con il solo utilizzo di materiali naturali.

foto2.jpeg
Fotoinserimento-dettaglio-1-(1).jpg

Una costruzione partecipata

La realizzazione del giardino rappresenta un momento formativo proprio dei valori fondanti del progetto Living Chapel. Attraverso workshops pratici di costruzione partecipata, seminari di botanica e gestione degli alberi, e altri momenti didattici, intendiamo trasmettere alle giovani generazioni il valore di pratiche in disuso che possano contribuire a riallacciare il rapporto tra Uomo e Natura.

LivingChapel_11.jpeg
LivingChapel_9.jpeg
LivingChapel_3.jpeg

Our Partners

Vatican_Dicastery_Integral_Human_Develop
OTHER_edited.png
Faith and UNEP.jpg
Under the patronage of the Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
OTHER_edited.png

Supported by:

header.jpeg
Screenshot-2021-09-06-at-15.25.52.jpg
  • Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram